LO PSICOLOGO RISPONDE: "Comportamenti ripetitivi che placano l'ansia nei bambini"

Buongiorno dottoressa,
sono la mamma di una bambina di otto anni.
Da un pò di tempo ci siamo accorti che "gioca" in maniera un pò strana con il cuscino... o con i peluche.. si mette sopra e li "cavalca" continuamente, strusciandoseli nelle parti intime, quando qualcuno entra poi smette subito. Chiaramente noi non glielo facciamo pesare ma siamo un po'
preoccupati. Ho preso un libro che parla della sessualità (per bambini chiaramente) ma lei si chiude subito a riccio perchè con noi non vuole parlarne perchè si vergogna. Non sappiamo come agire. Lei cosa ne pensa? grazie.

Gentile signora,
il comportamento di sua figlia, come lei avrà già capito, è l'equivalente della masturbazione. All'età di otto anni, episodi di masturbazione, non sono da ricondurre propriamente a comportamenti sessuali intenzionali tanto più che a questa età l'interesse per le scoperte sessuali diminuisce significativamente per fare spazio a  quello scolastico e relazionale (forse è per questo motivo non ha avuto successo il libro sulla sessualità). 
La masturbazione in età infantile, di norma, ha lo scopo per il bambino o la bambina di calmare stati ansiosi o comunque emozioni ingombranti e fastidiose poichè la masturbazione ha un effetto rilassante (come mangiare, giocare ai videogiochi, usare il ciuccio, guardare la tv, etc).

Per questo, è necessario capire quali emozioni sua figlia sta cercando di tenere a bada (ansia, rabbia, paura, vergogna, etc) e da dove nascono queste emozioni non facilmente tollerabili.
Poi, una volta capito questo, si può intervenire su diversi piani:
- modificando la situazione che crea emozioni spiacevoli;
- aiutando la bambina a tollerare le emozioni spiacevoli;
-aiutando la bambina ad esprimere le sue emozioni, piacevoli e spiacevoli;
- aiutando la bambina a trovare metodi alternativi per rilassarsi e sentirsi serena.

Prima cerchi di capire poi cerchi di modificare la situazione e se tutto questo le sembra troppo complicato o si accorge di non ottenere risultati, allora, chieda aiuto allo psicologo o allo psicoterapeuta della sua città in modo che l'accompagni in questo cambiamento.
Auguri e per altre informazioni resto a sua disposizione, saluti


Se desideri rivolgere una domanda alla psicologa scrivi a katja.manga@libero.it 
La risposta arriva in forma privata. Alcune e-mail saranno pubblicate ma senza dati personali autentici per evitare ogni possibile riconoscimento nel rispetto della legge sulla privacy 

Dott.ssa Katjuscia Manganiello | Psicologa Psicoterapeuta
 Tel. 349 6347184
Studio di Psicologia e Psicoterapia | via XI febbraio, 63 - 61121 Pesaro (PU)
e-mail katja.manga@libero.it